Lavoro in tana

                                                           

   



                                               MASCALZONE CANINO

       ALLEVAMENTO JACK RUSSELL TERRIER

     

      only  jack russell terrier smooth and broken coat from working blood lines

 

 

                       

                 Tel : +39 351 5279106   Email : info@mascalzonecanino.com

                                          Mascalzone Canino copyright © 2004-2019

           

     

 -La tana: lavoro e divertimento del Jack Russell-

              

I NOSTRI CUCCIOLI SONO CEDUTI A 60gg OPPURE, SU RICHIESTA, POSSONO ESSERE AVVIATI DA NOI AL LAVORO IN TANA E QUINDI CEDUTI A 7/8 MESI DI ETA'.

 

La maggior parte dei proprietari di cani spesso dimentica che essi hanno esigenze che vanno al di là di una ciotola piena, una cuccia comoda e tanto affetto. Non riescono a spiegarsi comportamenti problematici che molto spesso dipendono da una causa molto banale: il cane non riesce smaltire la propria energia vitale perché non svolge un’attività sufficiente alle sue esigenze etologiche.


Così, vediamo Alaskan Malamute, Border Collie, Labrador Retriever o altri cani da lavoro costretti a vivere in un appartamento di 70 mq. nel centro di una metropoli. Poi capita che facciano qualcosa di strano ………….…

Lupi e cani selvatici trascorrono la maggior parte del loro tempo in movimento, svolgendo attività di vario tipo finalizzate principalmente al soddisfacimento dei bisogni di sopravvivenza e di sicurezza. Cacciano, si spostano continuamente, difendono il territorio, interagiscono fra loro, allevano i cuccioli, impegnano ogni giorno corpo e mente per sopravvivere nel migliore dei modi.


Molti dei nostri cani, invece, sono costretti a dormire dalle 18 alle 21 ore al giorno;

per questo motivo i comportamenti problematici che essi presentano sono inversamente proporzionali al numero delle ore di attività che possono svolgere.

A questo si aggiunga che la loro alimentazione negli ultimi anni è radicalmente cambiata: non più cani sottoalimentati con scarti di cucina, ma nutriti con alimenti industriali che forniscono loro tutto il necessario ai fabbisogni energetici del cane, e anche di più.

E’ quindi facile intuire che aumentando semplicemente l’attività dei nostri cani possiamo evitare loro frustrazione e stress che stanno alla base di tanti dei loro problemi.


Il cane presunto iperattivo, il cane distruttore, il cane eccessivamente vocale, il cane che mette in atto comportamenti ossessivo compulsivi di vario tipo, il cane mordace, il cane che non vuole restare solo in casa, o semplicemente quello che strattona al guinzaglio o che salta addosso con inaudita invadenza, molto spesso ha soltanto bisogno di svolgere un numero maggiore di ore di attività.


Come sappiamo, l’attività generale del caneè data dalla somma di varie attività di tipo fisico e di tipo mentale. Le prime sono legate ai bisogni elementari del cane, comuni a tutte le razze, che riassumerei in attività orale, legata al cibo e alla masticazione, predatoria, locomotoria, vocale, olfattiva, sociale e ludica.

Le seconde consistono invece in tutte quelle attività dirette ad impegnare mentalmente il cane, come le attività di problem solving, di discriminazione degli oggetti, olfattive complesse o di intelligenza spaziale. Un cane non si stanca per lo sforzo fisico così tanto come per l’attività mentale. Un’ora di passeggiata, anche in libertà, non scarica molto il cane, ma se lo sottoponiamo ad un’ora di lavoro nelle attività che ho citato, lo stancheremo molto di più di quello che otterremmo con l’attività fisica.

Solitamente, però, si tende a dimenticare un altro tipo di attività altrettanto necessaria ai nostri cani: l’attività specializzata di razza.

Come la scienza ha ormai confermato, tutti i cani discendono dal lupo, ma l’uomo, attraverso una plurimillenaria opera di selezione, ha ottenuto una miriade di razze diverse, sviluppate selettivamente per il loro ruolo funzionale. E anche quando la funzionalità ha lasciato il passo a criteri di carattere estetico, le attitudini comportamentali selezionate in origine non sono andate perse.


La selezione per il lavoro non solo ha inciso sulla morfologia, ma ha altresì impresso nella mente dei cani delle attitudini specifiche che devono trovare il loro sfogo.

Se un cane scaricherà l’energia accumulata nelle lunghe ore di sedentarietà forzata in attività consone alle esigenze della sua razza, tale attività varrà almeno il doppio in termini di dispendio di energie, perché all’esercizio fisico abbinerà un notevole esercizio mentale, anche se non complesso.


Fotografie di Robotti e Guaschino.copyright © 2018